Home   |   Personaggi   |   Racconti   |   Poesie   |   Cose così  

 

TOTO’ RUSSO

agricoltore

Caro Totò,

ti porto nei miei pensieri ormai da un bel po’ di tempo.-

Da tanti giorni,…

…ossia da quando la voce del mio affetto si è ridestata ,ripercorrendosi a ritroso lungo la via delle affettività perdute.-

No,Totò,non me la sento di rievocare il tuo personaggio come fossi un estraneo,io voglio parlarti guardandoti negli occhi dell’anima, come quando ti osservavo, nell’atto di offrire i tuoi discreti, insegnamenti.-

Vedi com’è distratta la gente ?.-

Certo, la vita scorre velocemente,esalta ed annichilisce,prospetta e toglie, non lascia spazio alle riflessioni e,spesso,neanche alternative al bisogno di fare.-

Ma come puoi non mettere un attimo di pausa nella tua folle corsa ?

Chissà ..quanti ricorderanno ancora di te dei tuoi tanti anni seduto in Consiglio Comunale o della tua attività di esperto agricoltore,…chissà…-

E di quando ti appellavano,meritatamente,”Sindaco di Trazzera Marina”, tu credi che qualcuno se ne ricordi ancora ?

Si sa, i remeber vanno sulle gambe di chi ti è stato compagno di viaggio, ma da qui a rimuovere la nostra storia ce ne dovrebbe correre.-

Tu credi che siano in tanti a ricordarsi che solo la tua caparbia volontà,la tua voglia di giustizia,il tuo amore per la VIA per la quale vivevi,ha potuto il miracolo della “vendita “ dei lotti?

Credi che qualcuno si ricordi del Comitato di Agitazione Pro Arenile Patrimoniale, di cui tu ne eri il Presidente?

Senza quella lotta, .ben poche sarebbero state le nuove costruzioni in quella via del mare e tante le speculazioni dei soliti noti.-

Tutto dimenticato,Totò,tutto rimosso per quella dannata corsa “da qui all’eternità” che ci rende sempre più piccoli,sempre più precari,sempre più smemorati.-

Hanno ,perfino,dimenticato quel  tuo ultimo cruccio:- Quel “trazzera” di una via per la quale tu chiedevi  si chiamasse solo Marina, precorrendo i tempi di una destinazione più consona e moderna alla sua naturale vocazione.- Tutto si è fermato,tutto è rimasto immobile.-

Sono distratti Totò,non te la prendere,non ci pensano.-

E se ne scordarono anche quando una pioggia di nomi investì l’onomastica stradale di questa nostra cittadina.-

Vie grandi e piccole ,importanti e non , centrali e periferiche, piazze e piazzette da dedicare a concittadini ed a personaggi che con noi avevano ed hanno ben poco in comune.-

Quanto ti saresti incazzato, per il “Lungomare Ligabue”, non oso neanche immaginarlo !

 

E per te esempio di dedizione alla causa pubblica ?

Lo so,il tuo pudore di persona semplice,ti farebbe arrossire ancor oggi che non sei più qui,ma per noi ,la cosa può sembrare perfino intollerabile,offensiva,quasi sacrilega.-

Neanche un vialetto,una traversina della tua amata via,magari una stradina del quartiere popolare per Te : niente di niente !

Non te la prendere, Totò,sono distratti,non ci pensano…

Sono ancora giovani…

Con grande rimpianto.-

Tano

 

E morto  nel 1980 all’età di 80 anni.-