Home   |   Personaggi   |   Racconti   |   Poesie   |   Cose così

 

IL GHERIGLIO

Questa è una storia come tante altre, nell’inesauribile campionario degli approcci amorosi, che hanno permesso la continuazione della specie umana, fino ai nostri giorni .-
Anche i personaggi, in omaggio a questo assioma, dunque, che li vuole posizionati nel tempo, ma indistinguibili nell’ aspetto, frutto di pura fantasia,ripetono, per larghi tratti, la problematica sociale dell’amore inteso come comunione di sentimenti, ma, anche, come fusione di…interessi

Correva un anno di qualche decennio fa quando i destini di :
-un padre, commerciante di animali vivi, tutto lavoro;
-una madre con baffo mal rimosso e cultura serial-popolare RAI;
-una figlia unica, dalle lussureggianti forme, finta ingenua;
-un giovane scanzonato, scapolo per vocazione, vitellone di buona famiglia

si incontrarono sul palcoscenico della vita a “singolar tenzone” per quel problema, proveniente dalla notte dei tempi e, fortunatamente, mai risolto.-
Il ragazzo, essendosi scontrato con le fattezze della ragazza sull’ardente sabbia di un ameno arenile, ne fu talmente rapito da dare fondo ai destini della sua vita ,con un asfissiante interesse verso colei eletta ad unico scopo da perseguire .-
Questa nobile intenzione, se lasciava indifferente il padre, poco proclive a differenze tra uomini ed animali, cozzava violentemente contro le finte aspirazioni della madre che, per stimolare l’orgoglio della controparte,divulgava false informazioni del tipo: “Piccamadora un giovani pretendi a me figlia,ma su po’ livari da testa !”
La sola, combattuta tra un “SI” ed il millantato volere della madre, era la ignara ragazza che, nel sentirsi chiamare “gheriglina mia”si infiammava di passione propendendo per un libero, immediato ed incontrastato corso della…natura .-
Le cose, dunque,andarono come era inevitabile che andassero.-
Il pretendente venne ammesso alla corte, sotto stretta osservanza per evitare dannosissimi rischi, stante la sua non certo incoraggiante fama di “sciupa femmine” locale.-
Unica dilazione permessa: languidi sguardi , mani nelle mani, e qualche frase amorosa che si concludeva, immancabilmente, con la fatidica , indecifrabile dolce espressione .-
Cosa, però, volesse dire “gheriglina” era un segreto ben custodito dal ragazzo, non potendo per pudore e rispetto agli onnipresenti anziani riferirsi alla noce ed al suo proverbio .-
Ma, l’arcano divenne sempre più ingombrante, stante la ritrosia del suo autore, tanto che la famiglia disquisì opportunamente in lungo e largo sul merito .-

-Per il padre, poteva trattarsi del nome di una giovane vitellina da latte;
-per la madre, poteva essere un volatile esotico dalle calde e morbide piume;
-per la figlia , il turbinio di tante irrefrenabili sensazioni, come un cavallo dalla criniera al vento, cavalcato a pelo da una amazzone; una solitaria isola dalla lussureggiante vegetazione;un aliante librato nell’aria; un aquilone appeso al suo cielo; un’ altalena dondolante ; un gelato al limone;
una bevanda esotica, eccetera,eccetera, eccetera.-

E la ragazza non si sarebbe riavuta dal suo raptus descrittivo, se il suo sguardo non avesse incrociato gli esterrefatti, spalancati occhi del padre che, intendendosene di animali, conosceva perfettamente gli istinti soffocati dell’uomo.-
Si concordò,quindi, in quella sede che la …pera era ,ormai, matura e che l’acclarata ingenuità della figlia poteva ben essere messa alla prova in un futuro molto prossimo.-
Si fissò il giorno del matrimonio, lasciando, ma ancora per poco, che i compressi desideri della nubenda, si abbattessero, inesorabili, solo sulle gode del fidanzato, con poderosi pizzichi e leccaginose sbavate.-
Si stilò una lista di graditi invitati e si fece in modo che tutto filasse liscio, in armonia e senza intralci di alcun genere.-

Ma fu lì, negli approcci preliminari della prima notte di nozze, quando si sentì chiamare “sorcino mio”, che il neo sposo ebbe chiara ed inequivocabile certezza che moglie ingenua e suocera apostata avevano ordito un complotto a suo danno, per giusta causa.-
E tutti vissero felici e contenti.-
Tano Raneri (13.5.1997)

 

 

Tano Raneri.com -