Home   |   Personaggi   |   Racconti   |   Poesie   |   Cose così

 

 

L’INVITO A CENA

 

 

…l’enorme rettile brucava, tranquillo, le cime degli alberi quando, al di là del masso, l’ominide, sbirciandolo, decise di farlo suo .-

Si era nell’era mesozoica .-

Il dinosauro, ignaro,girò il capo ed  il suo sguardo si incrociò in un lampo di fuoco, col suo carnefice che, felino,arcuò la schiena, innalzò al cielo la sua enorme clava abbattendola, con tutte le sue forze, sulla tenera testa del malcapitato cucciolo .-

La botta fu tremenda: il cranio non resse l’impatto e si ruppe, la lingua uscì dalla bocca , il cervello schizzò per ogni dove, il collo fece una mezza giravolta abbattendosi su una acacia, mentre le corte e forzute zampe  cedettero sotto il peso di un corpo esanime .-

Un’altra tragedia si stava consumando nella Savana Africana .-

L’ominide urlò per la gioia; fece più volte il giro della sua preda;ne alzò la pesante coda; alzò il sanguinante capo e…convenne che non ce l’avrebbe fatta mai .-

Salì,dunque, sul complice masso ed ululò in tutte le direzioni…

Era, ora,una “sporca dozzina” che spingeva e tirava la carcassa fino al precipizio e, da lì, rotolandola, fino all’ingresso dell’antro .-

La signora ominide, alla vista di tanta tenera grazia, diede una grata leccata sulla pelosa guancia del consorte che ricambiò  con una lieve randellata sulla testa e tutti si misero a squartare .-

Era nato, così, l’invito a cena .-

 

Non ho notizie di come la cosa si sia ,poi, divulgata,ma sta di fatto che questa pratica, che in tempi andati si materializzava nel “fare la festa” ad un povero animale, ha colpito con una virulenza degna di un flagello di Dio, essendosi talmente radicata da raggiungere un  elevato grado di partecipazione .-

E tutti si ricevono il loro bravo invito con sussiego, con stile, con, oserei dire, sufficienza perché nessuno può negarsi a questa pratica, come nessuno può sottrarsi al suo ricambio,pena l’emarginazione .-

Solo che può accadere che l’organizzazione provochi un dispendio di tempo e di energie ed una tale insofferenza da rendere la “cosa”  una tristissima storia di banale restituzione con la fine del “giro” e dell’…amicizia .-

Cose di ordinaria ipocrisia in una società non sempre tollerante con se stessa .-

Prima che me dimentichi, pare che nell’era mesozoica ,assieme agli animali preistorici, non esistessero gli ominidi .-

Chiedo venia per la licenza .-

Tano Raneri       (10.04.97)

 

 

Tano Raneri.com -