Home   |   Personaggi   |   Racconti   |   Poesie   |   Cose così

 

Na Stizza d’acqua

 chi è ‘na stizza d’acqua?

U’ restu di nenti!

Puru si cadi di li auti celi

Quasi non si vidi, non si senti.

Nni curri tanta acqua di’ funtani,

nni scurri tanta acqua ‘ntre sciumari

e tutta ‘sta ’acqua va versu lu mari.

Lu mari è granni e non si jnchi mai!

Chi è ’na stizza d’acqua?

U’ resti ’i nenti!

Inveci è cosa ranni!

Come si fussi cosa affatturata

Quannu, supra ’na radica assitata,

la jettunu li venti,

la radica ripigghia nova lena,

la pianta, già assiccata, rinvirdia,

si isunu le fogghi già pinnenti,

’ n’autru ciuri sboccia,

un’api si lu suca e s’arricria.

Supra l’armuzza mia,

sbattuta di lu ventu di sciroccu,

assitata di lustru e di puisia,

commu ‘na stizza d’acqua,

vinnuru ‘i to’ paroli.

S’abbivirò di novu lu me cori,

Passò la linfa ’ntra la fantasia

e fici milli voli

e riturnò a cantari:

la vita e bella e la putemu amari.

 

                                                                                          Corradino Drago da Naso

 

   

Tano Raneri.com -