Home   |   Personaggi   |   Racconti   |   Poesie

 

IL CREPUSCOLO

CHIOME GRONDANTI FOGLIE,
UNITE IN UN SOL FILARE
DA LUCCICANTI LAME,
LAMBIVAN. LIEVI,
IL TUO CANUTO CAPO
E TU CALAVI ..CON DIGNITOSO ANDARE,
VERSO LA TUA CONDANNA.

E T'ADOPRAVI A RINCALZAR MEMORIE
FATTE DI DOLCI AMORI
DI GRIDA FAMILIARI,
DI COSE CONSUMATE DALL'USUAL PASSARE.

ED OR SEI QUI
CON CIO’ CHE, ORMAI, TI RESTA, RETAGGIO A TANTO
DIALOGAR COL FATO, QUANDO CREDEVI D'ESSERE PIU'
FORTE, INVECE SOCCOMBEVI, CONSUMATO.

 

 

Tano Raneri.com -