Home   |   Personaggi   |   Racconti   |   Poesie   |   Cose così

 

SCIROCCO

 

VENTO CHE PORTI IN TE

CANTI DI ANTICHE NENIE

SECCHE D’ARDENTE ARSURA

LUNGO LE PISTE INCERTE

 

DI CARROVANE ERRANTI

TRA DUNE SOGGIOCATE

DAL DILAGAR DELL’ASTRO

SU RUGHE MARTORIATE .-

 

SCENDI COPIOSO E INCERTO

FRUSTI LO STRETTO MANTO

SABBIA SPARGI D’ATTORNO

AL BEDUIN VAGANTE .-

 

SPAZZI GIARDINI E STRADE

SCIOGLI LE SCIALBE TRAME

SCUOTI LE FRONDE PREGNE

DA GENEROSE MANI .-

 

POI STANCO ED APPAGATO

VUOTO DI TANTO ARDORE

SCIVOLI LIEVE A VALLE

E SODDISFATTO MUORI

 

 

FINCHE’ NUOVA FOLATA

DI CALDO FIATO INTRISA

RIPRENDE A DILAGARE

FISCHIANDO TRA I FILARI .-

 

Tano Raneri (16.01.1997)

 

 

 

 

 

 

Tano Raneri.com -