Home   |   Personaggi   |   Racconti   |   Poesie   |   Cose così

 

 

 

HO FAME DI CAREZZE

 

Né la forza né la voglia

Dentro di me

Di fare anche un solo passo

Verso la luce.

Rimango incatenata

Vago smarrita in un torrente in secca.

Ogni volta che sento la tua voce

Scodinzolo come il cane al padrone

E ogni volta il calcio

Che mi mozza il respiro.

Ciò che conta è infliggere dolore

Esser sordi alle parole

Ciechi alle lagrime

Muti alle domande.

Ma non resisterò ancora a lungo

Alla tua aridità:

ho troppa fame di carezze…

 

Firsa

 

 

L’ECO DELLE PAROLE

 

La tua voce

Insinuata nel mio sogno

Si ripercuote ad ondate

Con frammenti sparsi taglienti.

L’eco delle tue parole

Ancora m’ossessiona

Mentre sfoggio la maschera

Del mio stanco sorriso.-

 

Firsa

 

 

TROVERO’

 

Troverò una di queste sere

Parole giuste per lasciarti

Il coraggio di accettare l’evidenza

Che non più un bacio

Una carezza

Un sorriso da te o a crederci ancora

Per un battito di ciglia.-

 

Firsa

 

 

 

 

 

 

i

 

   

Tano Raneri.com -