Home   |   Personaggi   |   Racconti   |   Poesie   |   Cose così

 

(senza titolo)

Riappare il nobile
dubbio saltante
come un bond rivalutato
Rosa del deserto
avvizzita
sabbiosa
tra anemoni di mare
e funghi perigliosi
e stelle marine
fradice sgradevoli
disgustosa sapienza
di nautili immobili
nel plasma di vita
Pazzie furiose di orlando senza capo
nÚ code di gambero
orizzonti polari
distese fiorite
alberi agitati paure nascoste
E le notti senza veli
Un mare silenzioso
profondo
Spugna del mio amore
assorbi intenerita
l'attimo del nostro tempo
Frangi panendo
le nostre scogliere
di spuma maestose
di mare
di onde
di profumo
di sale
Solo di mare
Nature giÓ morte
suicidi di massa
sperduti nei cieli
conchiglia assordata
dai ciottoli di riva
gli sguardi pensanti
si intrecciano furtivi
senza essere
Si spera
si respira la vita
Si contano i merli
del castello
i passi e il tempo
che ci separa
il passato andato
l'avvenire
in una sola volta
sento tutto il tempo
un istante.

piemme da Rapallo

 

   

Tano Raneri.com -