Home   |   Personaggi   |   Racconti   |   Poesie   |   Cose così

 

>

Ecreggio signò direttore ecreggissimo, 

c’iscrivo questa gradita lettera perché ciò a mio compare Vicenzo (segno zodiacale Ariete) che 3 anni orsono affatto gli analisi a sua figlia Addolorata (Vergine). Il medico che ce l'ha fatte a letto gli analisi e addetto che Addolorata risultava completamente incinta.

Quando mio compare apportato la notizia

Quando mio compare Vicenzo apportato questa bella notizia a sua moglie Ntunietta (segno zodiacale Scorpione) , mia commare accominciato affare come una pazza. Se messa aggridare come Tarzan, il re di Floresta (segno zodiacale Leone). 

Ntunietta l’addetto alla nonna 

Mia commare Ntunietta, allora, l’addetto subbito alla nonna, che cià 96 anni ma ne dimostra 97, perché è molto malata. Da avariati anni, infatti, la nonna cià una grave malattia chiamata l’amenopausa.

La nonna sentendo la notizia di sopra al salto, come un fulmine a cuor sereno, accominciato affare come Santo Can, la tigre della Polinesia. Per calmarla cianno dato l’acqua di Fiuggi, ma siccome non si calmava cianno dovuto dare 32 bicchieri di grappa e cè venuta una malattia chiamata “c’è Rosy apatica”. Ma forse non muore subbito. Inzomma, campare non campa ma morire nemmeno. 

Al nonno non ce l’hanno potuto dire 

Al nonno non ce l’hanno potuto dire perché è molto malato di prospera, cè venuto limpedimento dellorina e l’acciprete cià dovuto dare l’estrema minzione.

O è Addolorata la madre o la figlia

Allora mia commare addetto: “Sono addolorata”. Ma pultroppo mia commare Ntunietta non può essere addolorata, perché Addolorata si chiama pure sua figlia e per la legge italiana, che è precisa e non vuole creare conflitti di interesse, in una famiglia o è Addolorata la madre o la figlia. Inzomma, in una famiglia si posssono possedere anche 4 televisioni ma non due Addolorate.

Non si riusciva a sapere chi era il padre 

In famiglia erano tutti molto incazzati, perché non si riusciva a sapere chi aveva avuto il coraggio di metterla incinta. Addolorata, infatti, continuava a dire che lei è una ragazza seria e nel dubbio preferiva non fare nomi, per evitare possibili errori.

Quando è nato il bambino 

Quando è nato il bambino in quella casa cè stata lira di dio, chi gridava di qua e chi gridava di la. Mia commare lo voleva chiamare Nunziato, come il nonno materno. Mio compare lo voleva chiamare Nazzario, come il nonno paterno.
Addolorata lo voleva chiamare Francesco Antonio Giuseppe Gaspare Andrea Salvatore Giosuè Marcello Nicola, perché così a occhio e croce, fra tanti nomi, poteva anche capitare di indovinare il nome del probabile suocero.
 
Somigliava di più alla squadra di calcio 

Alla nascita il bambino pesava kg. 3.600 e somigliava ai componenti della squadra di calcio e un pochino alla sezione fiati della banda municipale.

 
Nino Dellamici Nius
Supplemento a ilparcodeinebrodi
Registrazione Tribunale di Patti n. 142 del 12/3/92
Editore e direttore responsabile: Domenico Molica Colella

 

 

 

Tano Raneri.com -