Home   |   Personaggi   |   Racconti   |   Poesie   |   Cose così

 

ITALIANI,BRAVA GENTE

 

Recitava un cartello,in quel magazzino militare del 7° Reggimento Artiglieria di Torino, “ad ogni cosa un posto ed ogni cosa al suo posto”, ossia,come sottolineare che l’ “ordine delle cose,fa l’ordine delle idee”.-

Solo che,dove non c’è un minimo di discrezionalità, per vicende anche dai risvolti umani,là manca la mente,manca il cuore e,soprattutto,manca l’anima.-

So benissimo che dove la calca regna, le regole diventano più rigide,i criteri più selettivi e le primarie esigenze mandate a farsi…fottere.-

Ma è giusto tutto questo ? Mi rifiuto di pensare che una società,ancorché allargata,sia fondata unicamente sul rigido rispetto della…paura.-

Eppure può capitare che la tua città per antonomasia, quella dei libri scolastici, quella della propaganda di regime , ti si possa rivoltare contro ad opera di quattro eremiti, illegittimi figli di barbara progenie.-

Ed é inutile portarla per le lunghe.-

Gli operatori di un’ambulanza del 118 ,due novelli farmacisti dal distintivo lustro,ma dal cuore peloso,ed un medico di un posto di eccellenza situato alla Stazione Termini di Roma, non hanno voluto soccorrermi ,con una iniezione antinfiammatoria (che avevo con me), lasciandomi nelle tenaglie della acuzie della mia sciatalgia.-

Professionisti indegni di esserlo,cittadini di infimo ordine,uomini senza cuore e senza coscienza.-.-

Manca il “direttore sanitario”,disse, il medico ed è come dire alla questuante che “la signora non è in casa”.-

Bravo,dottore !!! Bravo “signora che non c’è”!

Tu si che hai capito tutto della vita .-

Vivere in una grande città,mio caro amico, non è un privilegio,anzi è un morire ,giorno dopo giorno,nella indifferenza generale ,se non hai trovato motivazioni nobili da sbattere sul grugno del ripetitivo.- E la tua sarà l’ennesima bara che colpirà lo stipite del portoncino del piano di sotto,perché fosse solo il caso ad informare che un cane stava lasciando la sua inutile vita da canile.-

Per carità, manco a dirlo,ne sono consapevole ,:una fiala di MuscoRil assieme ad una di Bentelan  potrebbero causare danni irreversibili (!?!?...succede tutti i giorni….) di cui se ne diventerebbe involontari responsabili, esattamente quanto lo si diventa per effetto di una omessa assistenza sanitaria.-

 

Buona sciatalgia,miei cari sanitari,ovunque voi siate…e che il dolore sia lento ed irreversibile .!

 

5 giugno 2010                                                Tano Raneri